Fotovoltaico con accumulo, in cosa consiste

0
298
Fotovoltaico con accumulo

Abbiamo già avuto modo di parlare degli impianti fotovoltaici, spiegano in che modo funzionano i loro meccanismi di generazione dell’energia green. In questo approfondimento però vogliamo concentrarci sull’importanza di un fotovoltaico con accumulo. E’ una valida alternativa che permette di accumulare energia e utilizzarla in un secondo momento, nel momento in cui ne avrai reale bisogno. Cerchiamo allora di capire meglio in che cosa consista questo sistema e perché rappresenti un’opzione interessante.

Quali batterie sono utilizzate per l’accumulo

Tra le principali batterie che si utilizzano, in ordine di costo, troviamo quelle al:

  • Piombo: sono le più diffuse e sfruttano l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Sono però le più ingombranti e pesanti.
  • Nichel o Nichel Cadmio: le prime hanno una capacità fino a tre volte maggiore rispetto alle seconde e sfruttano anche una densità volumetrica minore rispetto a quelle al litio. Hanno una lunga durata e costi di manutenzione ridotti. Le Nichel Cadmio sono ideali per gestire grosse quantità di energia a basse temperature.
  • Ioni di Litio: sono quelle più costose ma indubbiamente le migliori presenti in circolazione. Risultano ottimali a livello tecnologico e hanno una durata maggiore rispetto alle altre.

Perché scegliere un fotovoltaico con accumulo?

E’ sicuramente una delle grandi novità per il settore delle alternative: è un sistema che aiuta a produrre una quantità maggiore di energia e abbassare gli sprechi. Sfrutta un gruppo di batterie che permettono di stoccare l’energia prodotta attraverso il meccanismo dei pannelli. In questo modo ciò che non viene consumato e usato subito potrà restare a disposizione per i momenti di bisogno.

E’ presto detto che affidarsi a questo sistema permette di superare un grande limite che ha da sempre caratterizzato gli impianti fotovoltaici. Quello della mancata irradiazione solare durante le ore notturne e quindi di buio. Immagazzinando l’energia prodotta in eccesso durante il giorno si potrà utilizzare l’elettricità in un secondo momento. Per esempio durante la notte o alle prime luci del mattino. In questo modo non si versa l’energia nella rete, ma si custodisce all’interno di batterie che possono anche farti coprire fino al 90% del fabbisogno familiare.

I costi: investire per avere maggiore convenienza

E’ difficile trovare una spesa oggettiva che rappresenti i trend del mercato per il fotovoltaico con accumulo. Chiaramente il prezzo varia in base ai professionisti che contatti, alle aziende, ma anche al tipo di qualità che vorrai garantirti. Ecco perché è opportuno richiedere più preventivi, anche in base alle diverse batterie che sono offerte per completare l’impianto.

Dopo un importante investimento iniziale ti saprai così garantire un risparmio perenne sui costi di gestione. Questo perché un fotovoltaico con accumulo attraverso le batterie ti aiuta ad azzerare i costi in bolletta. E soprattutto potrai evitare di preoccuparti di affrontare aumenti del prezzo dell’energia elettrica. Ma chiaramente è giusto mettere tutto in relazione con le abitudini di consumo medie del proprio nucleo familiare.