venerdì 6 luglio 2018
  • :
  • :

Solare e Pannelli fotovoltaici, ecco la perovskite

perovskitePer quanto riguarda il solare e il suo impiego, così come per i materiali attraverso i quali vengono assemblati i pannelli, in un futuro non eccessivamente lontano il costo di questi pannelli potrebbe diminuire, in virtù proprio del fattore materiali impiegati.

Un indizio in tal senso lo fornisce la perovskite. Si tratta di un materiale estremamente innovativo che (ancora occorre andarci con il condizionale), potrebbe venir utilizzato per la produzione delle note celle solari.

Cos’è la perovskite

La perovskite è un minerale il cui nome è dovuto a Lev Perovskij, ovvero un collezionista di pietre e minerali che fu ministro della Corte Imperiale Russa.

Queste prodotte attraverso l’impiego del minerale possono essere considerate, già da adesso, come delle celle fotovoltaiche di terza generazione.

Oggi il materiale impiegato per la realizzazione delle celle fotovoltaiche è il silicio che ha costi di produzione enormemente elevati dal momento che tale materiale non è abbondante e il metodo di fabbricazione che si richiede per la realizzazione dei pannelli solari tradizionali è complicato.

Le celle fotovoltaiche definite di terza generazione hanno degli strati su strati in perovskite. Si tratta del materiale che abbonda sul pianeta e quindi questo ha una valenza specifica in termini di produzione anche se (e va ricordato sempre tenendo a mente l’estrazione e l’impiego del materiale stesso) unicamente una piccola parte è disponibile, essendo limitato prevalentemente al mantello terrestre.

Costi produttivi celle solari in perovskite

Attraverso l’impiego della perovskite, i costi dei pannelli fotovoltaici potrebbero diventare assai più bassi visto che la loro realizzazione non richiede alte temperature e può essere estesa su un ampia scala.

I primi giacimenti di perovskite furono “scoperti” nel 1839 sui monti Urali in Russia dal geologo Gustav Rose, quest’ultimo volle fare un omaggio al mineralista sovietico Lev Perovski (appellando la pietra con un nome che ne costituisse il ricordo, ma la perovskite non ha solo il merito dio abbassare i costi di produzione delle celle solari, è anche come materiale, maggiormente performante rispetto al silicio attualmente impiegato, essendo capace di operare in uno spettro di frequenze energetiche particolarmente elevato.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *