venerdì 6 luglio 2018
  • :
  • :

Biomassa e il traguardo del 2020

biomassaLa biomassa è una fonte energetica rinnovabile davvero molto importante, che in Italia sta iniziando a diffondersi negli ultimi anni, vi è un Accordo come noto, che prevede per il 2020 che circa il 10% dell’energia rinnovabile venga prodotta da biomasse nel Paese. Gli impianti che producono energia tramite biomassa, possono richiedere degli incentivi al governo italiano, dal momento che impiegano quella che è considerata come un energia di tipo rinnovabile.

L’Italia sta tentando di mettersi in pari rispetto al tema biomassa ed energia prodotta attraverso questa metodologia, da questo punto di vista rispetto agli altri paesi europei, specie per quelli dell’Europa del Nord il lavoro da fare per il bel paese resta ancora molto.

Si diceva che la strada ancora da fare è molta, ma cos’è una biomassa? Da dove deriva?

La risposta è: Potenzialmente da tutto!

Una biomassa può essere ricavata dai boschi sfruttandone il potenziale con saggezza. In Italia però tale potenziale di sviluppo è fermo al fatto che manca la Legislazione della materia teleriscaldamento. Si comprende che anche questo aspetto influenzi non poco i passi avanti che si potrebbero (e dovrebbero) compiere in tal senso, resta comunque il dato significativo sui risultati fino ad oggi ottenuti capaci di dimostrare che vale la pena continuare sulla strada intrapresa eche è bene incrementare gli sforzi.

Biomassa in Italia

Tra gli esempi di successo nel nostro paese per centrali a biomasse, che stanno garantendo dei frutti importanti c’è la centrale di Udine un progetto a km 0, visto che il territorio che circonda questo sito garantisce la materia prima e viene a sua volta fertilizzato dai prodotti che emergono dalla produzione di biogas.

Un altro esempio è quello della città di Caltagirone dove è stata progettata la creazione di un Polo produttivo della Bioeconomia, che abbia una funzione di ricerca applicata all’innovazione biotecnologica, il tutto in collaborazione col CNR.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *