lunedì 18 giugno 2018
  • :
  • :

Detrazioni fiscali impianti di riscaldamento, come usufruirne

detrazioni fiscaliLe detrazioni fiscali relative agli impianti di riscaldamento e non solo, sono quelle relative al cosiddetto Ecobonus, richiedibile quando vi sia la sostituzione di vecchi impianti di riscaldamento con impianti di riscaldamento efficienti dal punto di vista del risparmio energetico.

Quindi si rimane nel campo delle ristrutturazioni rispetto a tali detrazioni fiscali.

Detrazioni fiscali, le Novità dal 1 gennaio 2018

Rispetto all’Ecobonus poco sopra menzionato, dal 1° gennaio dell’anno in corso, la percentuale di detrazione è variabile andando dal 50% al 65% a seconda del intervento che si compie, esempi a seguire di eventuali interventi e corrispettivi rispetto al bonus evidenziato:

Esempio N°1:

Sostituzione delle caldaie a biomassa e delle caldaie a condensazione in classe A privi di sistemi intelligenti di termoregolazione, questo cambiamento permette di accedere alle detrazioni del 50%.

Esempio N°2:
Eventuale sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore, questa ristrutturazione consente di accedere alla detrazione nella misura del 65%.

Esempio N°3:
Cambio di impianti di climatizzazione invernale con impianti attrezzati di caldaie a condensazione ad efficienza in classe A da accompagnarsi ad una contemporanea installazione di sistemi a termoregolazione progrediti, anche in questo esempio la misura della detrazione è pari al 65%.

Esempio N°4:
Il 4° esempio attiene all’acquisto e alla posa in opera di micro-cogeneratori che vadano a sostituire impianti esistenti, la detrazione in questo caso è nella misura del 65%.

Esempio N°5:
Questo riguarda l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali che usufruiscano e consentano il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, relativi all’acqua calda e alla climatizzazione, tale nuovo sviluppo tecnologico applicato al risparmio energetico da diritto ad una detrazione del 65%.

Come accedere all’Ecobonus

Per quanto riguarda le strutture condominiali, è possibile fare richiesta dell’Ecobonus fino al 2021,  e si prevede per Legge una detrazione del 70% nei casi in cui ci siano operazioni che riguardino più del 25% della superficie in dispersione sull’edificio, ma non finisce qui, vi è anche una detrazione pari al 75% qualora si migliorino le prestazioni energetiche nei mesi invernali ed estivi che siano pari alla qualità media prevista dal DM 26 giugno 2015, di cui vi consigliamo la consultazione preventiva.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *