domenica 8 luglio 2018
  • :
  • :

Celle solari in Perovskite, ecco vantaggi e svantaggi

perovskite-celle-fotovoltaicheSi torna a parlare di Perovskite nei pannelli solari fotovoltaici. Il lavoro di ricerca della Brown University, del National Renewable Energy Laboraty e della Chinese Academy of sciences ha infatti scoperto un nuovo metodo per aumentare l’efficienza energetica dei pannelli fotovoltaici riproducibile su scala industriale e a basso costo, andando ad eliminare il principale punto debole di questo minerale, la perdita di efficienza a temperature elevate.

Storia della Perovskite nelle celle fotovoltaiche

La Perovskite è stata usata per la prima volta nelle celle fotovoltaiche nel 2009, ottenendo un efficienza di poco più del 3%, un valore molto al di sotto delle celle fotovoltaiche oggi in commercio. Grazie alla ricerca della Hong Kong Politechnic University si è però raggiunta la soglia record del 25,5%, grazie anche all’utilizzo del silicio, accumulando energia da lunghezze d’onda diverse. Naturalmente questo record è stato ottenuto in laboratorio, e difficilmente sarà replicabile nel breve periodo su larga scala.

Le ultime novità della Perovskite

Le celle solari di Perovskite su cui gli scienziati stavano lavorando fino a poco tempo fa, si basa su un materiale denominato MAPbl3, il quale però ha il grande svantaggi di deteriorarsi se sottoposto a temperature maggiori di 85 gradi, rendendone di fatto impossibile la commercializzazione. Alcuni ricercatori hanno però ottenuto un altra forma di Perovskite, esponendo il MAPbl3 al gas della formamidine alla temperatura di 150 gradi, ottenendo cosi il FAPbl3, un operazione facilmente replicabile su larga scala.

Il nuovo materiale realizzato è molto più efficiente nell’assorbimento dell’energia solare e non presenta problemi di natura termica. I ricercatori hanno infatti raggiunto la soglia del 18% di efficienza energetica, non molto lontana dai pannelli fotovoltaici attualmente in commercio.

L’attenzione sulle celle fotovoltaiche in perovskite è molto alta, in quanto questa tecnologia potrebbe portare dei vantaggi consistenti sia dal punto di vista dei costi di ogni singola cella, sia per quanto riguarda l’efficienza energetica maggiore rispetto ad una cella in silicio.

I pannelli fotovoltaici in perovskite avrebbero inoltre un campo di utilizzo più ampio, grazie alla struttura cristallina del materiale, il che permetterebbe di essere applicata sulle finestre degli edifici o degli autoveicoli.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *